Disfunzione Erettile da Pornografia, Quanto Tempo per Ritornare alla Normale Funzionalità?

Disfunzione Erettile da Pornografia, Quanto Tempo per Ritornare alla Normale Funzionalità



Sotto argomentazioni di un blogger americano che tratta casi di Disfunzione Erettile Porno Indotta e Dipendenza da Porno Online.

...
" Quanto ci vorrà per recuperare?
Soffro di disfunzione erettile porno-indotta. Quanto mi ci vorrà per recuperare? È forse questa la domanda più frequente che mi viene posta attraverso email e commenti nel blog. Ne capisco anche il perché: chiunque vuole avere un’idea di cosa aspettarsi.
Mentre per i casi più lievi di disfunzione erettile porno-indotta, il recupero può andare dalle tre alle sei settimane in assenza di porno con masturbazione, per altri ciò può richiedere fino a quattro mesi e fino almeno un anno per il recupero completo dei casi estremamente gravi.
Quindi, quanto ci vorrà per recuperare?
La domanda è complessa e non è possibile fornire delle tempistiche esatte, ma i fattori che potrebbero influenzare negativamente il periodo di tempo che porterà alla completa guarigione possono essere:
(Cercherò di rispondere nella maniera più esaustiva possibile basandomi su:
  1. La mia esperienza personale
  2. Leggendo moltissimi, moltissimi (troppi da contare) racconti di recupero in vari forum sparsi per il web, nelle email ricevute e nei sondaggi online da me condotti. )
Da queste fonti sono riuscito a distillare 7 importanti fattori. Il tempo del recuperò dipenderà da:


1- Età e pregressa esperienza sessuale.


In genere, gli individui più giovani senza molta esperienza sessuale al di fuori del porno tendono ad impiegare più tempo per il recupero di individui più anziani. Ciò dipende dal fatto che i primi scoprono il porno su internet prima di avere esperienze sessuali con una controparte umana.
D’altro canto, i più anziani che hanno imparato a masturbarsi "senza foto", ed hanno avuto esperienze sessuali con una controparte umana prima della venuta alla luce del porno su internet, sembrano avere un più rapido recupero. Essendo stati indottrinati mediante mezzi cartacei, sembra esservi una velocizzazione nel processo di recupero.




2- Quanti anni si soffre di problemi di erezione

Se si guarda porno su internet da più di dieci anni il recupero sarà molto più intenso in durata rispetto a chi ha scoperto il porno da malapena un anno, ma questi ultimi sembrano essere individui più unici che rari, se non estinti.

"Per quanto tempo e quanto spesso ti masturbi???"


- 5 ore al colpo o 30 minuti? Tre volte al dì o una ogni due giorni?


3- Quanto estremi siano i gusti dell’individuo.


Se si è arrivati a generi più estremi il recupera richiederà più tempo, in quanto l’estremità è direttamente proporzionale alla durata del trattamento di recupero. Il cervello avrà bisogno di ricalibrare lo stimolo associato ad un eccitamento sessuale “normale”. Molti individui non credevano nemmeno di tornare a far sesso regolarmente, ma nonostante l’intensità in durata del trattamento, hanno avuto un pieno recupero. Ognuno, con pazienza, può guarire.


4- Quanto sia grave la tua disfunzione erettile.


Vi sono differenti livelli di disfunzione erettile: un ragazzo che riesce ad ottenere un settanta per cento delle sue erezioni senza porno, godrà di un più rapido recupero rispetto a chi non riesce ad avere alcuna erezione pur essendo nella stessa situazione. Bisogna essere onesti con sè stessi per preparare la retta via per la strada verso il successo.


5- Se ci si astiene da porno e/o masturbazione od orgasmo.


L’assenza di PMO porta ad un più rapido recupero, come comprovato dai molti resoconti di gente che continua incessantemente a mardarmi email e/o alla quale ho fatto da consulente. Come già detto, si tratta di ricalibrare gli stimoli sessuali (legati al pene) del cervello.


6- La costanza del recupero.


Ricadute tra i venti ed i cinquanta giorni non sono insolite, ma (e vi dico che è successo anche a me) riporterà tutto al punto di partenza. Non occorre flagellarsi, basta solo preparare un piano d’azione per evitare che ciò ri-accada. E sia ben chiaro, testare la propria erezione può causare ricadute.


7- Alcuni fattori meno concreti.


Altri fattori meno concreti possono prolungare l’intensità in durata del trattamento di recupero, come il flusso dei pensieri o l’attitudine verso la terapia di recupero.
Individui che più si preoccupano, di più tempo avranno bisogno per recuperare.

Se ci si chiede “è normale” o “farò nuovamente sesso come prima”.

La costante preoccupazione dell’ansia da sesso porta all’ansia da prestazione sessuale.
Più di uno a cui ho fatto da consulente soffriva anche di impotenza erettile porno-indotta e questo ha allontanato il completamento del recupero.

Come non preoccuparsi troppo?

Prima di tutto bisogna avere fede nel processo di guarigione . molti hanno già superato la dipendenza dal porno, bisogna avere fede nel processo di guarigione!

Ho ideato una guida per aiutare a rilassarsi in maniera guidata con lo scopo di creare convinzioni positive su corpo e sesso ed evitare l’Ansia da Prestazione. Qui di seguito vi dico come ho fatto a superare tutto ciò:


La mia storia: quanto ci ho messo a recuperare.


Le prime quattro volte in cui ho tentato il recupero sono finito in grandi ricadute porno. Ho guardato più porno in una settimana di quanto avrei fatto in un mese, probabilmente perché non avevo altro da fare per distrarmi.
La mia cronologia:

Recupero Tentativo # 1
5 giorni: non ero molto impegnato. Mi sono sentito come una merda quando ho guardato di nuovo il porno dopo cinque giorni di astinenza. Ho giurato che avrei fatto di meglio.

Recupero Tentativo # 2
18 giorni: grande ricaduta per una settimana. Visti più porno in una settimana che in un mese medio prima del mio recupero. Mi sono sentito come una merda di nuovo. A questo punto è dove ho iniziato applicare il cambiamento di abitudine, di forza di volontà e la psicologia di smettere e "disintossicarmi".

Recupero Tentativo # 3
50 giorni: un’altra grande ricaduta. Mi sono reso conto che le mie strategie necessitavano di qualche ritocco.


Recupero Tentativo # 4
90 giorni: cominciai a fare sesso di nuovo, con l'aiuto di esercizi di rilassamento per aiutare a eliminare  l'ansia riguardo al fatto di essere in grado di avere il pene in erezione.

Dopo circa mille giorni dall’ultima ricaduta ho perso il conto. A parte quando stavo aiutando amici (e amici di amici) era molto raro per me pensare al porno. Forse è colpa mia in quanto il mio modo di vivere non andava per niente. Mi sono ri-costruito un’attiva vita sociale (appuntamenti inclusi) e ho ridotto le distruttive abitudini e l’uso eccessivo del PC.

Da un lato, è interessante notare che da quando ho aperto il blog per chi soffre di disfunzione erettile da porno,
leggere e rispondere ai commenti sui miei articoli, sempre più spesso mi fa sentire il bisogno di tornare al porno, ma ora ho tutta una serie di strategie per allontanare tale bisogno impellente. Ciò evidenzia perché all’inizio del trattamento ero spesso offline (senza computer), soluzione caldamente raccomandata per iniziare!


Quindi, per rispondere alla domanda: "Quanto ci vorrà per il mio recupero?"

In conclusione, dipende da molti fattori diversi, ed è difficile dire prima di iniziare. Dalla mia esperienza, credo che sia meglio non concentrarsi troppo sul risultato, ma invece concentrarsi sul processo e sui "mezzi" a propria disposizione. "
Alla prossima!

Nessun commento:

Posta un commento