Disfunzione erettile: e se la causa fosse la carenza di vitamina D?

Disfunzione erettile: e se la causa fosse la carenza di vitamina D?

Uno studio pubblicato sulle pagine della rivista scientifica Dermato-Endocrinology, dimostra la correlazione tra carenza di vitamina D e la disfunzione erettile.

A volte i problemi di D.E. (o comunemente di impotenza maschile) si presentano solo in forma sporadica, non destando particolari sospetti, altre volte, invece, può persistere e divenire una costante negativa della sessualità maschile.
Da sempre gli esperti sostengono che sono innumerevoli le cause che possono determinare il deficit erettile.

Essenzialmente i fattori scatenanti questo disturbo si dividono in fattori di origine fisica o psicologica. Ma ora alle cause tradizionalmente riportate se ne aggiunge un’altra, ovvero la carenza di vitamina D.


Già da diversi anni molti specialisti hanno notato una relazione tra la carenza di vitamina D e numerose malattia come:
asma, depressione, predisposizione alle fratture ossee e problemi sessuale.
Dunque, i ricercatori sono partiti proprio dalla constatazione che le persone hanno un rischio maggiore di soffrire di impotenza sessuale se soffrono di una di queste problematiche appena elencate, tutte condizioni che denotano spessissimo una carenza di vitamina D.
Pertanto, un basso livello di questa, non solo può avere gravi ripercussioni sulla salute in generale, ma aumenterebbe anche la probabilità di soffrire di disfunzione erettile.
Ma non è ancora chiaro in quali termini la carenza di vitamina D agisca sull’erezione maschile, ma quel che è certo per gli stidiosii è che seguire una dieta scorretta, scarsa di vitamine, senza l'esposizione alla luce solare, sono fattori scatenanti il deficit erettile di molti uomini.

Gli stessi ricercatori che hanno condotto lo studio suggeriscono l'importanza del sole sulla pelle, in generale il più possibile alla luce naturale, e non solo il viso e le braccia, ma anche torace e schiena. Ecco, sotto riportato quello detto dagli studiosi:

Noi ipotizziamo che l’ottimizzazione dei livelli sierici di vitamina D, attraverso l’esposizione alla luce solare o la supplementazione di vitamina D aiuti a ritardare l’insorgenza dei deficit erettili, accortezze queste che andrebbero accoppiate a cambiamenti positivi nello stile di vita. Infatti molti non sanno che tale ottimizzazione può ripristinare la normale funzione sessuale in moltii uomini”.

Dunque prevenzione, ottima alimentazione e buona esposizione alla luce solare, e integrare la vitamina D, dopo i doverosi controlli di rito che il medico sicuramente sa darvi.

Alla prossima!

Nessun commento:

Posta un commento